CHE COSA SONO LE ACCISE?

, ,

Le accise sono delle imposte sulla fabbricazione di alcuni prodotti di largo consumo applicate da ciascun Stato membro sul proprio territorio in modo autonomo ed in base a svariati criteri. Le più comuni sono quelle applicate all’alcol e a tutti i prodotti da esso ottenuti (vino, birra, super alcolici etc.) oppure al petrolio e a tutti i suoi derivati destinati alla produzione di energia (benzina, gasolio, metano, butano, kerosene etc.) oppure al tabacco ed a tutti i suoi derivati.

Le accise si applicano sia alle materie prime/prodotti comunitari che a quelli importati da Paesi terzi; non sono dazi, ma quando riguardano merci importate sono considerate oneri doganali e vengono quindi riscosse al momento dell’operazione doganale.

Da qualche anno le accise applicate agli scambi di bevande alcoliche all’interno della UE sono regolamentati (ad esempio l’Italia si è dotata di un Testo Unico sulle Accise che recepisce la normativa comunitaria). In particolare la normativa prevede che tutti i prodotti alcolici siano scortati da un documento denominato DAA (Documento Accompagnamento Accise).

La normativa prevede che l’accisa non sia applicata alla merce che esce dal territorio dello Stato e che si emetta un documento denominato DAA (Documento Accompagnamento Accise) che scorta la merce al fine di provarne l’uscita. Quando tale documento arriva a destinazione insieme alla merce, viene preso in carico dall’ufficio preposto al controllo che ne rimanda all’ufficio di partenza una copia come prova dell’avvenuta uscita della merce dallo Stato di origine.

Quando l’accisa è già stata pagata nel Paese di partenza si emette il DAS che ha lo scopo di informare le autorità del Paese di destinazione che la merce può essere soggetta all’imposta.

Le merci soggette ad accise possono essere immagazzinate solo in appositi depositi denominati Depositi fiscali accise e solo l’intestatario di questo tipo di deposito può emettere e ricevere il DAA.

Competenze

Postato il

3 giugno 2014